La scuola

L’Istituto di Scienze Umane ed Esistenziali presenta la SCUOLA di PSICOTERAPIA neoESISTENZIALE S.P.Es.

Una moderna cura da profonde dottrine per l’integrazione terapeutica

L’Istituto di Scienze Umane ed Esistenziali è il rappresentante italiano della World Confederation of Existential Therapy, la Confederazione mondiale di Istituti e Scuole di Psicoterapia Esistenziale; Gianfranco Buffardi, attuale presidente dell’I.S.U.E., è stato uno dei promotori della Confederazione mondiale.

L’I.S.U.E. avvia la formazione in Psicoterapia Esistenziale per medici e psicologici con la creazione della Scuola di Psicoterapia neo-Esistenziale (S.P.Es.). (cod. 341, giusto Decreto MIUR, prot. 766 del 10 aprile 2019).

Specificità e valore aggiunto della S.P.Es.


La Scuola di Psicoterapia neo-Esistenziale è il risultato dell’applicazione dei moderni strumenti di comunicazione efficace alla psicoterapia esistenziale, realizzando un metodo operativo che può applicarsi anche ad altri approcci psicoterapeutici umanistico-esistenziali, agli approcci terapeutici bionomici ed a quelli logoterapici.

È un modello complesso ma adattabile, in grado di interagire con la maggior parte degli altri modelli psicoterapeutici, potenziando e velocizzando la loro intrinseca capacità terapeutica.

La Psicoterapia Esistenziale può operare in tempi brevi, può essere focalizzata, può integrarsi con altri interventi sia medici, come l’intervento psichiatrico, sia di aiuto, come il counseling o l’attività educazionale. Può coadiuvare la cura della malattia psichiatrica ma può anche sostenere l’impatto esistenziale di una malattia sulla vita del singolo e del suo gruppo.

Sia il modello psicoterapeutico esistenziale, che è il modello di scuola, sia il “metamodello” comunicativo, che è il principale strumento comunicativo utilizzato nel nostro lavoro, sono ampiamente acclarati dalla letteratura scientifica internazionale.


Docenti